Il cosiddetto Decreto Madia (Decreto Legislativo n. 75/2017) ha introdotto nell’ordinamento le disposizioni normative volte al Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni.

In particolare, vengono dettati i requisiti che devono possedere i lavoratori delle pubbliche amministrazioni per poter essere assunti a tempo indeterminato e le relative procedure di assunzione che le Amministrazioni Pubbliche devono attivare.

In Sicilia, l’assessore Razza ha emanato la Circolare del 23 gennaio 2018 (Atto di indirizzo n. 5824/2018) che ha fornito le indicazioni operative al fine di avviare le procedure di stabilizzazione nel comparto sanità nel triennio 2018-2020.

Già alcune Aziende del Servizio Sanitario Regionale (l’Azienda Villa Sofia Cervello, il Civico Di Cristina Benfratelli, l’ASP di Catania), hanno avviato la fase di ricognizione del personale in possesso dei requisiti; altre, invece, (il Policlinico di Palermo, l’ASP di Trapani), sono in una fase avanzata, specie per alcune categorie (medica, infermieristica e OSS), avendo già approvato l'elenco dei soggetti che sottoscriveranno l'agognato contratto a tempo indeterminato.

Dall’esame degli atti adottati da alcune di queste Aziende, emergerebbe l’illegittima esclusione dalla procedura di ricognizione di personale sanitario in possesso di tutti i requisiti previsti dal Decreto Madia.

Ricordiamo che per essere ammessi alle procedure di stabilizzazione previste dal Decreto Madia, occorre che il personale medico, tecnico professionale e infermieristico possegga tutti i seguenti requisiti:

a) risulti in servizio, con contratto a tempo determinate ed in relazione alle medesime attività svolte, presso la stessa Amministrazione, successivamente al 28 agosto 2015;

b) possegga un’anzianità di servizio, maturata anche in Amministrazioni diverse, di almeno tre anni al 31 dicembre 2017 anche non continuativi negli ultimi otto;

c) sia state reclutato attraverso una procedura concorsuale, ovvero in esito ad una valutazione comparativa delle esperienze professionali e dei requisiti specificatamente richiesti per il profilo da coprire, conclusa con una graduatoria finale di merito.

Lo studio si sta occupando delle illegittime esclusioni dalle suddette procedure di stabilizzazione. Per maggiori informazioni compila il form sotto e sarai ricontattato

 

Per rimanere costantemente informato segui la Pagina Facebook: “Avvocato Botta